Loading...

Image Alt
“Le altre facce di me”

Retroscena

a
Act Different

Recitare mi ha sempre permesso di trovare una strada diversa, un’alternativa impensata; un corpo a corpo con anima e respiro.

“Le altre facce di me”

Il mestiere dell’attore è quello che mi sono conquistato con più fatica, più per una convinzione interiore che per altro, ma è lo stesso che ogni volta mi fa amare questa scelta, spesso difficile, ma ricca di possibilità.

Raccontarmi attraverso le storie degli altri, cercare uno spazio solo mio, un contenitore per le mie aspirazioni, è stato ciò che da sempre mi ha mosso dentro, prima come necessità, poi anche per gioco.

Anche per  questo sono approdato, nel 2011, in un’accademia  triennale di formazione  artistica  torinese che mi ha dato un’impostazione solida su tante e differenti materie – recitazione teatrale, cinematografica, canto in diversi stili, danza, esperienze varie di palco-.

Ma con il tempo mi sono accorto che alcune cose fatte in aula avrei potuto comprenderle solo nel tempo, nella pratica, nell’esercizio costante della professione. Ogni giorno, infatti, è un passo in più nella consapevolezza.

Ho frequentato e frequento ancora oggi molti stage, perché sono fermamente convinto che non si debba mai smettere di guardare oltre le proprie competenze.

Teatro

Ogni testo nuovo è un po’ come un contratto di coabitazione, una linea sottile che mi attraversa sottopelle, fino ad abitare gli occhi.

“ Io gioco con l’anima affinché si ascolti, mi infilo possibilità negli occhi in modo che si tramuti in lacrime di Bellezza. Senza di lei, non varrebbe la pena tentare di esistere.”

- Raffaele Folino